fbpx

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Nel 2015 l’ONU approva l’Agenda 2030 sullo Sviluppo Sostenibile

L’Agenda ha come obiettivo quello di guidare tutti gli stati verso nuovi percorsi di miglioramento delle condizioni di vita delle rispettive società civili, da raggiungere entro il 2030. 

Si pone 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, 3 dei quali sono:

  • Nessuna Povertà
  • Fame Zero
  • Istruzione di Qualità

I nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, si aggiungo ai precedenti Obbiettivi del Millennio raggiunti nel 2015.

Importanti traguardi sono stati raggiunti ma nuove sfide si sono presentate al mondo intero.

Sul sito delle Nazioni Unite www.un.org/sustainabledevelopment/es/ i nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile sono così presentati:

Nonostante il fatto che il tasso di povertà mondiale sia stato dimezzato dal 2000, nelle regioni in via di sviluppo anche una persona su dieci e le loro famiglie continuano a sopravvivere con $ 1,90 al giorno e ci sono milioni in più che guadagnano poco. più di questo importo giornaliero. In molti paesi dell’Asia orientale e del Sud-Est asiatico sono stati compiuti progressi significativi, ma quasi il 42% della popolazione dell’Africa subsahariana continua a vivere al di sotto della soglia di povertà.
La povertà va oltre la mancanza di reddito e risorse per garantire mezzi di sussistenza sostenibili. La povertà è un problema dei diritti umani . Le diverse manifestazioni di povertà includono la fame, la malnutrizione , la mancanza di alloggi decenti e l’accesso limitato ad altri servizi di base come l’ istruzione o la salute . Vi è anche discriminazione ed esclusione sociale, che include l’assenza della partecipazione dei poveri al processo decisionale, specialmente quelli che li riguardano.
Per raggiungere questo obiettivo di porre fine alla povertà, la crescita economica deve essere inclusiva, al fine di creare posti di lavoro sostenibili e promuovere l’uguaglianza. I sistemi di protezione sociale dovrebbero essere applicati per mitigare i rischi dei paesi soggetti a catastrofi e fornire supporto per far fronte alle difficoltà economiche. Questi sistemi contribuiranno a rafforzare le risposte delle popolazioni colpite alle inaspettate perdite economiche durante i disastri e, infine, contribuiranno a sradicare la povertà estrema nelle aree più povere.

Il settore alimentare e il settore agricolo offrono soluzioni chiave per lo sviluppo e sono fondamentali per l’eliminazione della fame e della povertà. Gestito correttamente, l’agricoltura, la silvicoltura e l’acquacoltura possono fornire cibo nutriente all’intero pianeta, nonché generare reddito dignitoso, sostenere lo sviluppo incentrato sulle popolazioni rurali e proteggere l’ambiente.
Ma in questo momento, i nostri terreni , gli oceani , le foreste , la nostra acqua potabile e la biodiversità stanno subendo un rapido processo di degrado a causa di processi di sovrasfruttamento.
A questo si aggiunge il cambiamento climatico , che influisce sulle risorse dalle quali dipendiamo e aumenta i rischi associati a disastri naturali come siccità e inondazioni. Molti contadini e contadini non possono più guadagnarsi da vivere nelle terre per cui lavorano, costringendoli a migrare verso le città in cerca di opportunità.
Abbiamo bisogno di una riforma profonda del sistema agrario e alimentare mondiale se vogliamo nutrire gli 815 milioni di persone affamate che attualmente esistono sul pianeta e i due miliardi di persone aggiuntive che vivranno nell’anno 2050.
Gli investimenti in agricoltura sono fondamentali per aumentare la capacità produttiva agricola e sono necessari sistemi di produzione alimentare sostenibili per aiutare a mitigare le difficoltà della fame.

L’istruzione è la base per migliorare la nostra vita e lo sviluppo sostenibile. Oltre a migliorare la qualità della vita delle persone, l’accesso a un’istruzione inclusiva ed equa può aiutare a fornire alla popolazione locale gli strumenti necessari per sviluppare soluzioni innovative ai maggiori problemi del mondo.
Attualmente, oltre 265 milioni di bambini non sono a scuola e il 22% di essi ha l’età della scuola primaria. Allo stesso modo, i bambini che frequentano la scuola non hanno le conoscenze di base della lettura e dell’aritmetica. 
Nell’ultimo decennio, ci sono stati importanti progressi in termini di miglioramento dell’accesso a tutti i livelli e con l’aumento dei tassi di iscrizione scolastica, soprattutto nel caso di donne e ragazze. 
Anche il livello minimo di alfabetizzazione è stato notevolmente migliorato. Tuttavia, è necessario raddoppiare gli sforzi per ottenere maggiori progressi per raggiungere gli obiettivi dell’istruzione universale. Ad esempio, il mondo ha raggiunto l’uguaglianza tra ragazzi e ragazze nell’istruzione primaria, ma pochi paesi hanno raggiunto i loro obiettivi a tutti i livelli di istruzione.
Le ragioni della mancanza di un’istruzione di qualità sono la carenza di insegnanti qualificati e le cattive condizioni delle scuole in molte aree del mondo e le questioni di equità legate alle opportunità che hanno i bambini nelle aree rurali. 
Al fine di fornire un’istruzione di qualità per i bambini provenienti da famiglie povere, è necessario investire in borse di studio, laboratori di formazione per insegnanti, costruzione di scuole e migliore accesso all’acqua e all’elettricità nelle scuole.

La Comunità Amore e libertà da oltre 30 anni lavora in questo senso cercando, con sempre maggiore impegno, di contribuire alla realizzazione di un mondo migliore.

Fonte articolo: www.un.org
Fonte foto: www.infobae.com